Hyundai ha presentato in anteprima mondiale il prototipo di SUV Fuel Cell di ultima generazione che propone un nuovo design, migliori prestazioni e una maggiore autonomia rispetto all’attuale Hyundai ix35 Fuel Cell. Il concept è stato svelato a Seul, in una versione non lontana da quella che entrerà in produzione. Il modello, il cui nome verrà annunciato ufficialmente nei prossimi mesi, conferma l’impegno di Hyundai nello sviluppo di veicoli “green” e la leadership del Gruppo nello sviluppo della mobilità a idrogeno.

Sistema fuel cell di quarta generazione

Il nuovo SUV è il secondo modello a idrogeno commercializzato da Hyundai e utilizza la quarta generazione della tecnologia a celle a combustibile sviluppata in-house. La vettura, le sue capacità e le tecnologie fuel cell sono il risultato della ventennale esperienza di Ricerca e Sviluppo di Hyundai in questo settore. Il nuovo veicolo rafforza la leadership del brand nei sistemi a propulsione elettrica con tecnologia a idrogeno, costruita negli anni grazie alla ix35 Fuel Cell, prima auto a idrogeno al mondo prodotta in serie dal 2013. Il nuovo modello a celle a combustibile è stato sviluppato su quattro pilastri chiave: l’efficienza del sistema fuel cell, le prestazioni, la durabilità e il miglior rapporto capacità/peso del serbatoio.

  • Efficienza del sistema
    Migliorando le performance delle celle a combustibile, riducendo il consumo di idrogeno e ottimizzando le componenti chiave, l’efficienza del veicolo è notevolmente migliorata rispetto all’attuale ix35 Fuel Cell. Il nuovo SUV a idrogeno vanta infatti un livello di efficienza pari al 60%, con un incremento del 9% rispetto al 55.3% della ix35. Grazie a questi elementi, il nuovo SUV a idrogeno garantisce una maggiore autonomia rispetto al suo predecessore, arrivando a circa 800 km con un singolo pieno di idrogeno (in base agli standard del ciclo europeo NEDC).
  • Prestazioni
    La potenza massima del nuovo modello è aumentata notevolmente (+20%) rispetto al precedente passando dagli attuali 136CV a 163CV. Il sistema fuel cell migliora anche la capacità di avviamento a freddo della vettura, superando le difficoltà di accensione a temperature inferiori al punto di congelamento. La struttura del veicolo è ottimizzata infatti per consentirne l’avviamento fino a -30 gradi Celsius, incorporando componenti chiave nel sistema a cella combustibile sviluppato internamente da Hyundai. Oltre ad aumentare le capacità della nuova vettura, i componenti avanzati – come il MEA (membrane electrode assembly, la membrana elettrolitica) e le piastre bipolari – hanno contribuito a ridurre i costi di produzione.
  • Durabilità
    Gli ingegneri hanno lavorato anche al miglioramento della durabilità per aumentare la longevità del veicolo rispetto all’ix35 Fuel Cell, concentrandosi in particolare sulla tecnologia dei catalizzatori.
  • Rapporto capacità/peso del serbatoio
    Nel prototipo di SUV Fuel Cell sono stati apportati una serie miglioramenti in merito allo stoccaggio dell’idrogeno: ora il veicolo dispone di tre serbatoi delle stesse dimensioni, rispetto ai due precedenti di diverse dimensioni. La capacità gravimetrica (massa di idrogeno immagazzinato rispetto al peso del serbatoio) è stata incrementata grazie allo sviluppo di una nuova generazione di serbatoi compositi a strati con relativa riduzione dello spessore delle pareti.

“Con un rendimento eccezionale, uno stile lineare e prestazioni senza compromessi, la nostra nuova generazione di SUV fuel cell è il perfetto esempio di veicolo ecologico del futuro”, ha dichiarato Lee Ki-sang, Senior Vice President presso l’Eco Technology Center di Hyundai Motor Group. “Hyundai sarà al vertice nello sviluppo e nella produzione di veicoli green in linea con una società vicina alle quasi zero emissioni”.

Il nuovo veicolo disporrà anche di tecnologie avanzate di guida assistita: i dettagli delle nuove funzionalità, insieme al nome, saranno svelati a gennaio 2018 in occasione del lancio ufficiale al CES di Las Vegas. Successivamente inizierà la commercializzazione nei più importanti mercati mondiali.

Hyundai ha presentato in anteprima mondiale a Seul la seconda generazione di SUV a idrogeno: migliorano prestazioni e autonomia, che tocca gli 800 km

Design futuristico ispirato alla natura
Il nuovo veicolo fuel cell eredita le caratteristiche di design dal FE Concept, prototipo protagonista al Salone di Ginevra 2017. Esternamente, il modello presenta forme semplici e fluide che sottolineano la sua natura ecologica – non producendo alcuna emissione se non il solo vapore acqueo. Gli elementi di design evidenziano lo stile minimal in un SUV dalla presenza carismatica in grado di percorrere anche lunghe distanze, sempre in armonia con la natura. Alcuni elementi di design evidenziano la tecnologia all’avanguardia: le luci di posizione si estendono lungo tutto il frontale con un fascio sottile che crea un effetto futuristico e rappresenta la linea dell’orizzonte.

Il design ispirato alla natura riprende le linee del prototipo FE Concept, presentato al Salone di Ginevra 2017

Le linee pulite del modello si evidenziano anche nelle maniglie delle portiere integrate nella carrozzeria dell’auto, mentre l’aspetto high-tech del SUV è caratterizzato da elementi che puntano a migliorare il coefficiente aerodinamico. Tra questi le inedite ruote che, oltre a uno stile accattivante, presentano cerchi specifici per ridurre la resistenza aerodinamica.

La rinnovata strategia ‘green’ del Gruppo Hyundai prevede l’introduzione di 31 modelli a zero/basse emissioni, a livello globale, entro il 2020

Il layout degli interni riprende lo stile minimalistico delle linee esterne, integrando in maniera intuitiva ed elegante gli elementi tecnologici.

L’ampio e alto cruscotto incorpora i comandi ergonomici e il grande schermo centrale regalando una sensazione di guida da SUV di categoria superiore. All’interno sono presenti bio-materiali all’avanguardia dotati di certificazione ecologica che, insieme alla scelta di colori sofisticati e naturali, contribuiscono a creare un ambiente ultramoderno. A dare una nuova impronta agli interni per il rivestimento dei sedili un mix di tessuto e in pelle di camoscio.

Nuova Roadmap di Hyundai Motor Group per lo sviluppo di veicoli green

Il nuovo modello rientra nel rinnovato piano di Hyundai per lo sviluppo di veicoli a zero o basse emissioni, in linea con il nuovo obiettivo di Hyundai Motor Group di introdurre 31 modelli ecologici (considerando entrambi i brand Hyundai e Kia) nel mercato globale entro il 2020. Sulla scia del successo di IONIQ, unica auto di serie al mondo che permette di scegliere fra le tre motorizzazioni Hybrid, Electric e Plug-in Hybrid sulla medesima carrozzeria, Hyundai è impegnata nella realizzazione di modelli che offrono tutte le principali alimentazioni alternative – elettrica, ibrida, ibrida plug-in e idrogeno – per soddisfare le diverse necessità dei consumatori nei vari Paesi.

In questa strategia di e-mobility, Hyundai prevede di adottare un approccio diversificato: spinto dalla sempre maggiore domanda globale di veicoli ecologici, l’obiettivo di Hyundai è quello di guidare la diffusione dei veicoli ibridi, ampliando la propria gamma di SUV e di veicoli di grandi dimensioni.

Un’altra parte del piano riguarda lo sviluppo di varianti green sia a trazione integrale sia a trazione posteriore, utilizzando il sistema di trasmissione elettrica TMED (Transmission Mounted Electrical Device), sviluppato in-house nel 2011.

Mentre Hyundai continua la crescita nel mercato EV con IONIQ, il Gruppo intende dar vita a una gamma elettrica che spazia dai segmenti minori ai più grandi e lussuosi modelli del brand Genesis. Lo sviluppo dei veicoli elettrici di Hyundai avrà luogo in tre diverse fasi:

  • nella prima metà del 2018 con l’arrivo della versione elettrica di Hyundai Kona
  • nel 2021 con la presentazione del modello elettrico di Genesis
  • dopo il 2021 con il lancio di un veicolo 100% elettrico con un’autonomia di 500 km

Inoltre, Hyundai svilupperà la sua prima piattaforma per veicoli elettrici puri, che consentirà all’azienda di produrre diversi modelli con un’autonomia sempre più estesa. Contemporaneamente, Hyundai rafforzerà anche la sua leadership mondiale nella tecnologia a idrogeno. Il Gruppo si concentrerà sul potenziamento degli sforzi in ricerca e sviluppo: l’obiettivo è quello di aumentare le prestazioni e la durata dei veicoli a celle a combustibile, rendendo la tecnologia più economica e applicabile anche alle auto di dimensioni più contenute. Nell’ambito di questi sforzi, Hyundai Motor presenterà un nuovo bus a idrogeno nel quarto trimestre di quest’anno.

Società a idrogeno alla portata di tutti
Hyundai prenderà parte anche alla Hydrogen House, progettata dall’amministrazione della città di Seul. Il programma è partito lo scorso 17 agosto e continuerà fino al 17 novembre mostrando i prototipi dei nuovi veicoli fuel cell per promuovere la loro diffusione e una Società a idrogeno. E’ attraverso iniziative come questa che la casa intende dimostrare come una Società a idrogeno potrebbe essere realizzata in un futuro non troppo lontano. Hyundai Motor Company è stata la prima casa automobilistica ad aver introdotto una linea di produzione in serie di veicoli fuel cell a idrogeno e ha fornito veicoli a celle a combustibile dal 2013. L’azienda ha iniziato a sviluppare la tecnologia fuel cell nel 1998 e ha prodotto il primo veicolo a celle a combustibile su Santa Fe, nell’ambito di una collaborazione con CaFCP (California Fuel Cell Partnership). Nel corso di questo ventennio, Hyundai ha dimostrato che i veicoli a idrogeno sono competitivi quanto le vetture a combustione interna in termini di sicurezza e affidabilità. Attualmente Hyundai commercializza i suoi veicoli fuel cell in 18 Paesi e l’azienda sta prendendo in considerazione l’ipotesi di diffondere il nuovo modello a celle a combustibile in mercati con un elevato potenziale di crescita per i veicoli ecologici come la Cina.