Nonostante la crisi, Lamborghini chiude il 2020 con un bilancio positivo

Claudio Sole

Fatturato più che positivo per Lamborghini, la storica casa automobilistica emiliana che dal 1963 produce auto di lusso. Un 2020 proficuo con ben 7.430 vetture consegnate in tutto il mondo e con sei nuovi modelli freschi di produzione. Nonostante la grave situazione sanitaria dovuta al Coronavirus, il secondo semestre si è rivelato il migliore della storia dell’Azienda. Solido portafoglio ordini a copertura di già oltre metà della produzione del 2021. Insomma numeri importanti che evidenziano l’ottima capacità manageriale dell’intero gruppo. Come detto sono stati lanciati sul mercato sei nuovi modelli: Lamborghini Huracán EVO RWD coupé e Spyder, Sián Roadster, Essenza SCV12, Huracán STO e SC20.

Auto importanti che arricchiscono l’enorme gamma del prestigioso marchio italiano. Nel dettaglio, con 2.224 vetture, gli USA si confermano il primo mercato, seguiti da Germania (607), mainland China, Hong Kong e Macao (604), Giappone (600), Regno Unito (517) e Italia (347). I due Paesi che hanno registrato la più alta crescita sono stati la Corea del Sud (303 unità, + 75%) e la Germania (607 unità, +8%). Il SUV Urus, che proprio l’anno scorso ha segnato il record produttivo di 10.000 unità, è stato il modello di maggior successo con 4.391 vetture consegnate. Entrambe le linee super sportive hanno dato un contributo significativo ai volumi globali: Huracán, modello V10, ha registrato numeri in crescita con 2.193 vetture vendute (+3%).

A queste si aggiungono le 846 Aventador, modello V12, consegnate in tutto il mondo. Una diminuzione del solo 9% rispetto all’anno precedente. Calo attribuito ovviamente allo stop produttivo di 70 giorni in primavera, in ottemperanza alle direttive del Governo italiano e a tutela della salute dei lavoratori durante la prima fase di emergenza. Nel corso del periodo di sospensione temporanea delle attività, l’azienda si è prodigata avviando la riconversione di alcuni suoi reparti per la produzione di mascherine e visiere mediche per l’Ospedale S. Orsola di Bologna, oltre alla collaborazione con SIARE Engineering International Group per il co-engineering e produzione di simulatori polmonari. A settembre lanciato un importante progetto culturale e artistico, “With Italy, for Italy”, concepito come atto d’amore di un’Azienda per il proprio Paese per supportarlo in un periodo di grandi sfide.

Nell’importante iniziativa sono stati coinvolti ventun talenti italiani della fotografia contemporanea, chiamati ognuno a interpretare e celebrare la bellezza e unicità delle regioni italiane insieme a modelli Lamborghini del passato e del presente. Il progetto, avviato inizialmente con una campagna social, si è poi tradotto in un volume fotografico edito da Skira. A dicembre poi il cambio di presidenza alla guida della Casa del Toro: Stephan Winkelmann è dal 1° dicembre il nuovo Presidente e AD, succedendo a Stefano Domenicali e mantenendo la Presidenza di Bugatti.

A dicembre Stephan Winkelmann è stato nominato Presidente e Amministratore Delegato

“I risultati 2020 – commenta Stephan Winkelmann  – sono la dimostrazione di un grande lavoro che, al netto delle difficoltà di un anno di sfide globali, è stato portato avanti da tutta la squadra Lamborghini con grande dedizione e spirito di resilienza. Per me è un grande onore essere tornato a farne parte. Il senso di comunità sperimentato così forte nel corso dell’anno appena trascorso, insieme ai valori di responsabilità sociale e la spinta all’innovazione che da sempre contraddistingue Lamborghini, saranno le basi per affrontare un 2021 sfidante, con l’obiettivo di consolidare la gamma prodotto, ricercare nuove prospettive di business e rafforzare ulteriormente il brand”. Infine da sottolineare l’approdo su TikTok, la piattaforma per la creazione e condivisione di video brevi da dispositivi mobili, prescelta da Generazione Z e Millennial.

Lamborghini è stata la prima realtà, nel settore delle super sportive di lusso, ad avere fatto ingresso con un proprio profilo ufficiale, @lamborghiniofficial. Un grande successo, visto che in poco meno di due mesi il profilo ha raggiunto oltre 131.000 seguaci. Insomma risultati soddisfacenti e di grande interesse per la casa automobilistica italiana, che si conferma ancora una volta ai vertici mondiali del mercato automobilistico.

lamborghini.com